Leggi e rivedi la documentazione di Automation Anywhere

Automation Anywhere Automation 360

Chiudi contenuti

Contenuti

Apri contenuti

Automation 360 v.24 Community Edition Note sulla versione

  • Aggiornato: 2022/05/10
    • Automation 360 v.x
    • Esplora
    • Spazio di lavoro RPA
    • Note sulla versione

Automation 360 v.24 Community Edition Note sulla versione

Data di rilascio: 22 marzo 2022

Scopri le nuove funzioni nella Community Edition della versione Automation 360 v.24 (Build 12342).

Nota: Per informazioni sulla patch v.24R2 Automation 360 per Community Edition, vedi Note sulla versione di v.24R2 Automation 360 per EOL Internet Explorer 11.

RPA Workspace

Bot agent update: Questa versione include un aggiornamento Bot agent opzionale. Per utilizzare le nuove funzionalità della versione v.24 (compresi gli aggiornamenti ai packages Migrazione Bot, Browser, DLL, Process Discovery e Recorder), aggiorna l'Bot agent disponibile con questa versione. Per eseguire i bots esistenti con l'Bot agent esistente, non è necessario aggiornare la versione precedente dell'Bot agent.
Per informazioni sull'aggiornamento a questa versione, consulta le seguenti risorse:
Novità
Ulteriori operazioni con Microsoft Edge Chromium

Ora è possibile utilizzare l'estensione per il browser Microsoft Edge Chromium per quanto segue:

  • Configurazione del proxy Bot agent
  • Popolamento automatico delle credenziali del dispositivo

Requisiti del browser per RPA Workspace

Riduzione dei tempi di risposta

Ora puoi ridurre i tempi di risposta per la raccolta delle informazioni relative ai problemi grazie all'acquisizione di file di registro dal dispositivo Bot Runner. Puoi salvare i file di registro utilizzando il nuovo comando -collectlogs con l'utilità di diagnostica Bot agent.

Esecuzione di controlli diagnostici Bot agent

Miglioramenti al AISense Recorder

Ora è possibile utilizzare AISense Recorder per automatizzare le applicazioni che usano il giapponese e una combinazione di interfacce giapponesi e inglesi.

AISense per la registrazione di attività da applicazioni remote

Supporto per la copia di metadati da un bot a un altro

È ora possibile copiare file di immagini e metadati da un bot all'altro usando l'opzione Copia negli appunti condivisi.

Opzione di tempo di attesa nei packages SOAP Web Service e REST Web Service (ID caso Service Cloud: 00756730, 00792793, 01255869, 01753287)

Quando si crea un bot, è ora possibile impostare un valore di timeout per le actions nelle richieste REST e SOAP. Per indicare il tempo per cui un bot dovrebbe attendere una risposta dal server prima del timeout, è possibile impostare un tempo di attesa (in millisecondi) nel campo Attendi il completamento delle azioni. È possibile inserire un numero o una variabile o fornire un valore globale.

Formattazione del testo con il nuovo editor HTML nel package Email

Nel package Email, quando si utilizzano le actions Invia, Rispondi e Inoltra, è ora possibile creare e personalizzare il layout e il corpo delle e-mail utilizzando il nuovo editor di design HTML. Usa la barra degli strumenti dell'editor per apportare modifiche al testo, come applicare il grassetto, il corsivo e altri effetti di formattazione, inserire collegamenti e cambiare il carattere e le dimensioni del testo. È possibile copiare il contenuto dall'editor di design e incollarlo in altre finestre.

Il package Task Bot ora supporta il passaggio della variabile Finestra al bot figlio (ID caso Service Cloud: 00691890, 00804359, 01258948, 01764292)

Nell'action Esegui del package Task Bot, quando si selezionano i campi Valori di input e si immettono i valori o le variabili da passare al bot figlio, è ora possibile scegliere la variabile tipo Finestra e passarla dal bot padre al bot figlio.

Nuova opzione nel campo Tipo di contenuto del package REST Web Service (ID caso Service Cloud: 00666852, 00789910, 00771194, 00785116, 00825945, 01762199)

Ora è possibile utilizzare l'opzione multiparte/dati modulo per caricare file e dati tramite REST Web Service. Il tipo di contenuto multiparte/dati-modulo può essere usato per inviare elementi di modulo contenenti file, dati non-ASCII e dati binari. Questa opzione è disponibile per actions come POST, PUTe PATCH.

Opzione delimitatore personalizzato nel package SOAP Web Service

Per risposte specifiche a XPath, è ora possibile utilizzare l'opzione delimitatore personalizzato per delimitare il contenuto di ritorno dalla risposta SOAP. Nel campo Delimitatore personalizzato, è possibile immettere un carattere o una variabile e l'output della risposta delimitata sarà una stringa completa.

Nuova opzione nell'action Esegui funzione del package DLL (ID caso Service Cloud: 00830568, 01063654, 01259336, 01767965)

Nell'action Esegui funzione del package DLL, quando la DLL C# interagisce con l'API di Windows per eseguire operazioni relative al sistema, come la pressione dei tasti, il clic del mouse o il cambio di finestra, viene visualizzata occasionalmente una finestra intermedia (AAZeroSizeForm) che interrompe l'operazione dell'utente quando il bot è in esecuzione. In alcuni casi, la funzione DLL non interagisce con l'API di Windows per eseguire actions come la pressione di un tasto, il clic del mouse o il cambio di finestra, sull'interfaccia utente del sistema operativo attraverso la funzione DLL. In questi casi, è possibile selezionare la casella di controllo Esegui funzione in background per bypassare la finestra intermedia (AAZeroSizeForm) ed eseguire la DLL C# nell'applicazione console senza il modulo. Questa funzionalità aiuta anche a migliorare le prestazioni di esecuzione della DLL se la casella di controllo Esegui funzione in background è selezionata.

Scorrimento automatico supportato in Bot editor (ID caso Service Cloud: 00730747)

Quando si creano o modificano bots con un gran numero di linee di codice e quando si trascinano actions su e giù per la pagina, la pagina scorre ora automaticamente verso l'alto o verso il basso di conseguenza. Questa funzionalità è supportata in entrambe le viste Flusso ed Elenco.

Nuovo package JSON

Utilizza il package JSON per automatizzare i dati JSON. È ora possibile estrarre le informazioni richieste dal testo o dal file JSON e utilizzare direttamente i valori nel bot.

package Json

Nuova opzione nell'action Cattura del package Error handler (ID caso Service Cloud: 00766117)
Nel package Error handler, ora puoi ignorare gli errori delle actions all'interno del blocco Cattura utilizzando l'opzione Cattura > In caso di errore, continua con l'azione successiva. Quando selezioni la casella di controllo In caso di errore, continua con l'azione successiva, anche se esiste un errore da un'action nel blocco Cattura, non viene lanciata alcuna eccezione e il bot ignora l'errore e continua con l'azione successiva.
Nota: Questo miglioramento si applica a tutte le actions contenute all'interno del blocco Cattura. Per esempio, se esiste un'action Prova/Cattura all'interno dell'action Cattura principale e la casella di controllo dell'action Cattura principale è selezionata, qualsiasi errore da actions all'interno del blocco annidato sarà ignorato.
Miglioramento del package Stringa

Nell'action Estrai testo del package Stringa ,quando si usa l'opzione Dopo o Prima e/o dopo, è ora possibile estrarre una sottostringa da una stringa sorgente specificata presente tra 1 e 999999 volte in un file.

Ricerca di file per data specifica

È ora possibile cercare i file creati o modificati in una data specifica utilizzando la nuova opzione In data disponibile nella condizione Data file di vari packages.

Puoi usare questa funzione con i seguenti packages e actions:
  • File package
    • Copia file desktop action
    • Elimina action
    • Stampa action
    • Stampa più file action
    • Rinomina action
  • package cartella
    • Copia action
    • Elimina action
    • Rinomina action
  • If > Condizione di data del file
  • Loop > Mentre > Condizione di data del file
Nuova action nel package Excel advanced

Quando si eseguono actions in un foglio di lavoro di Microsoft Excel, è ora possibile disabilitare o abilitare l'aggiornamento della schermata in tempo reale utilizzando la nuova action Disabilita o abilita l'aggiornamento dello schermo in tempo reale del package Excel advanced. Questa action è utile per migliorare le prestazioni delle automazioni basate su Excel in fase di esecuzione quando si tratta di grandi insiemi di dati.

Operazioni sui fogli di lavoro

Utilizzo delle condizioni Recorder in Microsoft Edge basato su Chromium con modalità Internet Explorer (IE)
Ora puoi utilizzare le condizioni Recorder L'oggetto esiste e L'oggetto non esiste in Microsoft Edge basato su Chromium con modalità IE per i seguenti packages:
  • Loop > Condizione While
  • Wait > Condizione Attendi
  • If package
Supporto del browser Internet Explorer per il package Browser e le variabili finestra
  • Le seguenti actions del package Browser ora supportano il browser Internet Explorer:
    • Apri
    • Chiudi
    • Vai indietro
    • Ottieni codice sorgente
  • Nell'opzione Browser, è ora possibile selezionare le schede Internet Explorer dall'elenco delle schede attive.

Browser package

Miglioramenti al Datetime package
L'opzione Variabile nell'action Data/ora > Assegna è ora migliorata e suddivisa in due opzioni:
  • Data/ora: Permette di selezionare manualmente la data e l'ora insieme al fuso orario e di assegnarli a una variabile Data/ora.
  • Variabile: Permette di selezionare la variabile Datetime o altre variabili che possono avere Datetime come sottotipo, come le variabili Dizionario, Record ed Elenco.

Utilizzo dell'azione Assegna

Miglioramenti al Recorder package

È ora possibile acquisire e automatizzare gli oggetti all'interno di un IFrame interdominio che ha più IFrame con la stessa origine del frame e IFrame caricati in fase di esecuzione nei browser Chromium Google Chrome e Microsoft Edge. Puoi farlo utilizzando Registratore > Acquisisci o l'opzione Avvia registrazione. Questo supporto è disponibile anche per le estensioni Google Chrome offline.

Pacchetto Registratore

Supporto per finestre pop-up e finestre di dialogo nei browser Google Chrome, Microsoft Edge Chromium e Mozilla Firefox

Durante l'automazione di una pagina Web sui browser supportati, ora puoi acquisire finestre pop-up, finestre di dialogo di avviso, finestre di dialogo di conferma e finestre di dialogo di richiesta. Puoi farlo utilizzando Registratore > Acquisisci o l'opzione Avvia registrazione.

Pacchetto Registratore

Recupero del codice sorgente di un iFrame nel browser Google Chrome
Ora puoi estrarre il codice sorgente di un iFrame nel browser Google Chrome utilizzando l'action Browser > Ottieni codice sorgente. Per acquisire questi iFrame, puoi utilizzare la nuova opzione Acquisisci oggetto.
Nota: La funzionalità Acquisisci oggetto è facoltativa e viene utilizzata solo per acquisire il codice sorgente di un iFrame.
Esegui JavaScript all'interno di un iFrame nel browser Google Chrome

Ora puoi eseguire JavaScript in una pagina che contiene iFrame nel browser Google Chrome utilizzando l'action Browser > Esegui JavaScript. Puoi utilizzare la nuova opzione Acquisisci oggetto per acquisire gli iFrame sui quali desideri eseguire JavaScript.

Nota: La funzionalità Acquisisci oggetto è facoltativa e viene utilizzata solo per eseguire Javascript all'interno di un iFrame.
Supporto di Sessione globale per il package Excel basic
  • L'opzione Sessione globale è ora supportata per il package Excel basic. Utilizza l'opzione Sessione globale per condividere una sessione di Microsoft Excel tra più bots in modo da poter utilizzare lo stesso foglio di lavoro Excel tra questi bots.
  • Il campo Nome sessione esistente è ora rinominato Crea sessione Excel.

Using the Open action for Excel basic

Variabile predefinita per il contenimento di dati di tipo numerico
Quando si realizza o si testa un bot, ora è possibile utilizzare la variabile numerica predefinita SampleNumber inclusa nella tavolozza Variabili.
Nota: La variabile numerica predefinita è disponibile solo nei nuovi bots.
Esportazione e importazione di file protetti da password
Per migliorare la sicurezza fornendo protezione contro l'accesso non autorizzato e la modifica malevola e proteggere inoltre la privacy, le funzioni di esportazione e importazione sono state ora migliorate per includere l'opzione password. Con questa funzionalità puoi ora eseguire le operazioni seguenti:
  • Impostare una password per i file che vuoi esportare dalla tua Control Room.
  • Importare il file esportato protetto da password nella tua Control Room.

Esporta bots | Importa bots

Nuove opzioni in configurazione Git (ID caso Service Cloud: 00782957, 00837059, 00687394, 00783715, 00714059, 00659476, 00749755, 00786233, 00748166, 00776417)
Ora puoi eseguire le azioni seguenti per la configurazione Git:
  • Scegliere il metodo di autenticazione HTTPS o SSH per impostare la configurazione Git. Il metodo di autenticazione SSH è più sicuro perché l'autenticazione è basata su una coppia di chiavi pubbliche e private.
  • Specificare il ramo in cui vuoi spingere i tuoi commit di Git. Questo aiuta il coordinamento del team e la gestione del flusso di lavoro.
  • Connettiti all'archivio Git tramite un server proxy.

Configurazione di un archivio Git remoto in Control Room | Ripristino di bots da archivio Git

Automation Anywhere Robotic Interface (AARI)

Novità
Microsoft Edge Chromium e Safari supportati per AARI

Ora è possibile creare moduli e processi in RPA Workspace ed eseguire richieste, attività e bots nell'interfaccia web su Microsoft Edge Chromium e Safari.

Requisiti del browser per RPA Workspace

Creazione di campi con password e occultamento di informazioni sensibili (ID caso Service Cloud: 00714159, 01063512)

In RPA Workspace, è ora possibile creare campi password utilizzando l'elemento Password nel proprio generatore di moduli. È possibile utilizzare l'elemento Password nell'interfaccia web per aggiungere del testo mascherato ai campi password nei moduli iniziali per nascondere informazioni sensibili.

Configura i processi | Proprietà dell'elemento password

Miglioramento dell'ID di riferimento alle richieste

Ora è possibile visualizzare l'ID di riferimento associato al processo nella colonna Riferimento della pagina Richieste. L'ID di riferimento è una combinazione di un prefisso e un numero creata da una Chiave di processo che