Leggi e rivedi la documentazione di Automation Anywhere

Automation Anywhre Automation 360

Chiudi contenuti

Contenuti

Apri contenuti

Note su Enterprise A2019.20

  • Aggiornato: 6/09/2021
    • Automation 360 v.x
    • Esplorare
    • Spazio di lavoro RPA
    • Note sulla versione

Note su Enterprise A2019.20

Data di rilascio:20 aprile 2021

Riesaminate le novità e le modifiche, le correzioni e le limitazioni della versione Enterprise A2019.20. Build 8846 è per Cloud e Build 8815 è per In sede. IQ Bot A2019 è nella Build 8815.

Importante: Abbiamo aggiornato la build Cloud per includere le seguenti correzioni:
  • Mancata esecuzione della migrazione dei bot a causa di un errore di pre-elaborazione (ID caso Service Cloud 00760877, 00761211)
  • Impossibilità di distribuzione dei bot perché il percorso risorse supera la lunghezza massima supportata da Microsoft (ID caso Service Cloud 00764731, 00763373, 00765172, 763334)

Funzionalità di migrazione

11.x e 10.x funzionalità
Selezione delle cartelle per la migrazione (ID caso Service Cloud: 00689307)

In Procedura guidata per la migrazione del bot, è ora possibile selezionare le cartelle che contengono bot (TaskBot e Metabot) che si desidera migrare a Enterprise A2019. Di conseguenza, non è più necessario eseguire la migrazione di singoli bot da tale cartella.

Esegui la migrazione dei Metabot con le schermate

Migrare Metabot che contengono schermi come asset. È possibile eseguire la migrazione di schermate basate su HTML, MSAA, Java, tecnologie .Net e utilizzare le variabili delle credenziali.

Migrazione di bot che utilizzano i seguenti attributi
  • Bot che contengono il comando SE > Logica riuscita o SE > Logica non riuscita e questi comandi restituiscono una variabile come output
  • Bot che contengono il comando Esegui un'attività con l'opzione Ripeti fino a interruzione per l'azione Esegui nel pacchetto TaskBot
  • Bot che utilizzano la variabile di sistema $Clipboard$ come variabili di input e output per trasferire il valore alla logica MetaBot
11.x solo funzionalità
Migrazione di bot che utilizzano BAPI SAP per automatizzare le attività relative a SAP

Esegui la migrazione dei bot utilizzando BAPI SAP per automatizzare le attività relative a SAP. I comandi SAP vengono migrati in azioni equivalenti della BAPI SAP pacchetto e il nome utente, la password e gli attributi del nome host utilizzati per connettersi al server SAP in bot 11.x vengono migrati come variabili di credenziali in Enterprise A2019.

Mantenere il comportamento legacy della variabile di sistema $Excel Cell Row$

Utilizza l'opzione Usa il comportamento legacy della "Riga Cella Excel" in Procedura guidata per la migrazione del bot per mantenere il comportamento legacy della variabile di sistema $Excel Cell Row$ utilizzata nei bot creati in versioni precedenti alla Versione 11.3.1 dopo la migrazione a Enterprise A2019.

Migrazione di bot con i seguenti attributi:
  • Bot che utilizzano il comando Elimina o Ottieni tutti i messaggi per eliminare o scaricare allegati da tutte le e-mail che utilizzano Exchange Web Services (EWS) utilizzando l'autenticazione OAuth.
  • Bot che contengono oggetti acquisiti utilizzando il comando Clonazione dell'oggetto basato su Firefox e sulle tecnologie Silverlight
  • Bot che utilizzano il comando Modifica utente con le opzioni Aggiorna account e Modifica password nel comando Active Directory
  • Bot che utilizzano l'opzione Crea utente nel comando Active Directory
  • Bot che utilizzano il comando Funzionamento variabile e l'opzione Configurazione decimale è selezionata
  • Bot che utilizzano la variabile di sistema $AATaskExecutor$
  • Bot dalla Versione 11.3.5 o successiva che utilizzano il comando Ottieni cella singola con le opzioni Cella specifica e Ottieni valore cella selezionate per recuperare il valore da una cella in un file Microsoft Excel.

Enterprise A2019

Bot agent update: Questa versione include un aggiornamento obbligatorio per Agente bot. Assicurati di completare l'aggiornamento per continuare con le attività di automazione durante l'aggiornamento da una versione precedente a questa versione.

Aggiorna automaticamente il Agente bot | Aggiornare manualmente il Agente bot

Per verificare quale Agente bot versione è compatibile con questa Automation 360 versione, consulta Compatibilità con le build di Automation 360.

Novità
Supporto per indirizzi IPv6

Puoi installare Enterprise A2019 in modalità cluster di bilanciamento del carico distribuito in una rete IPv6 per soddisfare i requisiti di infrastruttura e sicurezza delle informazioni della tua organizzazione.

Non sono supportati:

  • La posizione geografica non è disponibile per gli indirizzi IPv6.
  • Gli indirizzi locali dei collegamenti per gli indirizzi IPv6 sono rimossi dall'elenco IPv6 del programma di installazione di Enterprise A2019.

Configurazione del cluster IP

Commutare la registrazione del dispositivo tra istanze di Sala di controllo

È ora possibile commutare la registrazione del dispositivo tra più istanze di Sala di controllo senza reinstallare Agente bot. Questa impostazione è applicabile a singoli dispositivi utente installati a livello di sistema o di utente.

Commutare la registrazione del dispositivo tra istanze di Sala di controllo | Passare Agente bot a un diverso Sala di controllo

Nuova autorizzazione per attestare il nome utente del dispositivo (ID caso Service Cloud: 00576058)

Utilizza la nuova autorizzazione per assegnare un dispositivo predefinito a un nome utente per ignorare la convalida delle credenziali quando si distribuisce un bot su Bot Runner non assistiti. L'autorizzazione è applicabile agli utenti predefiniti del dispositivo con una sessione utente sbloccata e attiva.

Autorizzazioni delle funzioni per un ruolo

Impostazioni delle soglie delle risorse per ottimizzare le distribuzioni di bot

Configura le impostazioni di soglia delle risorse in Sala di controllo in modo che il sistema distribuisca il bot successivo solo quando le risorse del sistema sul dispositivo rientrano nelle soglie specificate. Specifica le impostazioni a livello di Sala di controllo per tutti i dispositivi e personalizzarle a livello di dispositivo.

Personalizzazione delle impostazioni dei dispositivi

Riduzione dei tempi di avvio dei bot

È ora possibile ridurre il tempo di avvio dei bot utilizzando le impostazioni di Sala di controllo per precaricare i pacchetti utilizzati più di frequente nell'automazione su tutti i dispositivi utente quando si connettono a Sala di controllo.

Configurare le impostazioni del pacchetto

Coda Express nell'automazione del carico di lavoro

È ora possibile creare rapidamente code di automazione dei carichi di lavoro con parametri predefiniti in Sala di controllo utilizzando l'opzione Crea coda Express nella pagina Code.

Creazione di code Express

Filtri di gruppo per gli utenti Active Directory

È possibile fornire filtri aggiuntivi per la directory Utenti come parte del file um.properties. Di conseguenza, è possibile filtrare i gruppi di sicurezza presenti nella directory Utenti per la mappatura dei ruoli in Sala di controllo.

Visualizza mappatura Active Directory del ruolo

Automatizzate le attività relative a SAP utilizzando BAPI SAP

Utilizza le azioni disponibili in BAPI SAP pacchetto per automatizzare le attività relative a SAP tramite BAPI SAP.

BAPI SAP pacchetto

Nomi predefiniti per le variabili di output

Quando si configura una variabile di output per i seguenti pacchetti, il Sala di controllo mostra un nome descrittivo della variabile predefinita. Se si creano diverse variabili di output, i nomi delle variabili successive vengono aggiunti con -1, -2, -3 e così via per evitare la duplicazione.

  • Browser
  • CSV/TXT
  • E-mail
  • Excel avanzato
  • JavaScript
  • Ciclo
  • Registratore
  • VBScript
  • Finestra
Dividi PDF con pagine vuote supporta la scansione di documenti di immagini (Service Cloud case ID: 00683923)

Utilizza l'azione Dividi PDF per separare una pagina vuota dalle pagine con immagini acquisite. Con la suddivisione basata su pixel, puoi ora utilizzare Dividi documento per dividere un PDF con separatori di pagine vuote di documenti acquisiti (basati su immagini).

Intervallo di porte SMTP ampliato per includere le porte da 1 a 65535

Il pacchetto E-mail supporta ora porte comprese tra 1 e 65535 per il server SMTP. Ora puoi utilizzare l'azione Invia configurando la porta SMTP in questo intervallo.

Nuove azioni in pacchetto Active Directory
  • Aggiorna opzioni account: consente di impostare gli attributi di account per l'utente.
  • Modifica password utente: utilizza questa opzione per modificare la password di un utente.

Operazioni account utente

Miglioramento dell'azione Crea utente nel pacchetto Active Directory

È ora possibile utilizzare l'azione Crea utente per creare un utente Active Directory con password.

Utilizzo dell'utente Crea azione

Supporto esteso e nuove funzionalità per Universal Recorder

Utilizza Universal Recorder per eseguire le seguenti operazioni:

  • Automatizzare i clic e il recupero dei dati negli elenchi a discesa e nelle caselle combinate delle applicazioni Oracle EBS come Compass.
  • Collegare un oggetto che il bot non è in grado di identificare in modo affidabile a un oggetto vicino (ad esempio un collegamento o un pulsante) più facile per il bot da trovare. Utilizzare questa funzione nelle applicazioni MSAA, UI Automation o Java.
Supporto di nuove lingue con nomi variabili

Ora è possibile utilizzare caratteri cechi, danesi, olandesi, finlandesi, francesi, tedeschi, ungheresi, italiani, norvegesi, polacchi, portoghesi, rumeni, spagnoli e svedesi nei nomi delle variabili.

Intervallo Unicode supportato nelle variabili

Cercare e aggiungere il bot figlio al bot padre

Cercare un bot figlio in spazi di lavoro pubblici e privati in modo da poterlo aggiungere al bot padre. È possibile cercare il bot figlio con Editor di bot e l'azione Esegui del pacchetto TaskBot.

Utilizzo di Esegui azione | Editor di bot per l'assemblaggio di bot

Ottenere informazioni sull'utente che ha distribuito il bot

Utilizza la variabile di sistema InvokerAttivitàAA per restituire nome utente, nome, cognome ed e-mail dell'utente che esegue o pianifica il bot. Se il bot viene distribuito su un Esecutore di bot assistito, questa variabile restituisce informazioni sull'utente connesso. Se il bot viene distribuito da un trigger, questa variabile restituisce informazioni sull'utente associato a tale licenza .

../aae-client/bot-creator/using-variables/cloud-system-related-variables.html#tpc-cloud-system-related-variables__sec-system-param

Miglioramenti al ripristino Git
  • Se il database viene eliminato o danneggiato, come amministratore puoi ora ripristinare i file dall'archivio Git in un archivio non completamente vuoto.
  • È inoltre possibile sovrascrivere o ignorare i file se si dispone di file duplicati nell'archivio Git.
  • Se ripristini i file in un archivio vuoto, puoi scegliere di utilizzare le credenziali esistenti (configurate con Sala di controllo) o le credenziali di qualsiasi altro archivio.

Ripristino di bot da archivio Git

Visualizzare la cronologia delle versioni di TaskBot

Puoi ora visualizzare la cronologia delle versioni dei tuoi TaskBot per identificare le modifiche rilevanti eseguite da altri utenti ai tuoi TaskBot in una data e un orario specifici insieme ai messaggi di archiviazione.

Visualizzare la cronologia delle versioni di TaskBot

Supporto per un archivio chiave esterno

Utilizza gli archivi chiave esterni per archiviare e recuperare le credenziali in modo sicuro utilizzando un gestore di chiavi di terze parti come CyberArk e AWS Secrets Manager.

Nuova condizione in Se pacchetto (ID caso Service Cloud: 00536088, 00690073, 00717514, 00737243, 00702383)

Utilizza la nuova condizione La finestra con lo stesso titolo non esiste o Esiste una finestra con lo stesso titolo disponibile nel pacchetto Se per verificare se esiste una finestra con lo stesso titolo o se il titolo della finestra è cambiato.

Pacchetto If

Google pacchetti sono ora disponibili

I pacchetti Calendario di Google, Google Drive e Fogli di Google sono ora generalmente disponibili in Enterprise A2019, con una modifica importante al metodo di autenticazione:

  • Ogni pacchetto Google contiene un'azione Connetti per autenticare il tuo account prima di aggiungerne altre azioni dal pacchetto in questione all'automazione. Questa azione sostituisce la ormai obsoleta OAuth azione del pacchetto G-App.
  • Ogni pacchetto Google contiene un'azione Disconnetti per terminare la connessione.

Utilizzo dell'azione Connetti per i pacchetti Google

Cos'è cambiato
I Bot attendono Internet Explorer per effettuare il rendering completo nel in Mouse pacchetto

I Bot (inclusi bot migrati da 11.x) che utilizzano il pacchetto Mouse attendono ora che Internet Explorer abbia completato il caricamento della pagina prima di eseguire l'azione Fai clic. Questo evita che i bot non funzionino durante il caricamento della pagina.

Modifica dell'interfaccia nella finestra Modifica variabile

Quando si modifica una variabile, deselezionando la casella di controllo Usa come input, Usa come output o Costante (sola lettura), un messaggio informa ora l'utente dell'impatto di questa modifica e richiede di confermare l'aggiornamento.

Miglioramento delle voci del registro di audit (ID caso Service Cloud: 00656155)

Le voci del registro di audit sono state migliorate per visualizzare Nome elemento e Tipo di evento per le richieste di importazione, esportazione, check-in e check-out.

File .atmx non scaricato durante la migrazione

Il processo di migrazione non scarica ora il file .atmx se il bot associato è utilizzato come bot figlio nel bot padre. L'azione Scarica file di CR dal pacchetto File non viene più aggiunto nel bot migrato per scaricare il file dipendente bot.atmx durante la migrazione.

Possibilità di aggiornare la versione del pacchetto Registratore o di eseguire il downgrade a un'estensione Google Chrome precedente

I Bot che utilizzano la versione 2.0.5 o precedente del pacchetto Registratore per l'automazione nel browser Google Chrome, devono ora essere aggiornati per utilizzare una versione più recente della 2.0.5 del pacchetto Registratore. Questo è necessario solo per i dispositivi Esecutore di bot con la nuova estensione Google Chrome (ID:kammdlphdfejlopponbapgpbgakimokm) installata e che non hanno eseguito in precedenza bot che utilizzano la versione 2.0.5 o precedente del pacchetto Registratore.

Se non desideri aggiornare il pacchetto Registratore, puoi installare manualmente la vecchia estensione Google Chrome. Vedi Google Chrome risoluzione dei problemi degli interni

La tabella seguente elenca le correzioni e le build in cui sono state corrette. Build 8846 è la build più recente per Cloud e include correzioni delle build precedenti. In sede è nella Build 8815.
Correzioni
(Build ) ID caso Service Cloud Descrizione
8846 00764731, 00763373, 00765172, 763334 È ora possibile distribuire bot e file dipendenti archiviati in un archivio con un percorso di file che supera la lunghezza massima dei caratteri supportata (256 caratteri) per il sistema operativo Windows.
8846 00714248 Solo i Bot Runner e i Bot Creator espressamente configurati come archivio credenziali per un determinato bot possono utilizzare questo bot.
8846 00751728 Quando si esegue la migrazione di bot 11.x che usano il comando Operazione stringa con il carattere spazio come delimitatore, il valore estratto conserva ora lo spazio e funziona correttamente. In precedenza, dopo la migrazione, lo spazio veniva rimosso dal comando Operazione stringa.
8846 00760877, 00761211 I Bot sottoposti a migrazione, modifica e pianificazione vengono ora distribuiti correttamente senza errori di pre-elaborazione. In precedenza, i bot migrati non potevano essere eseguiti a causa del seguente errore di pre-elaborazione: Il tipo di attributo ANY non è supportato.
8840 00747869, 00750571, 0744918 Quando si crea un bot utilizzando un loop con l'azione Acquisisci Registratore per eseguire operazioni sul browser Chrome, il bot ora viene eseguito senza interruzioni. In precedenza, il bot non poteva essere eseguito e visualizzava un errore.
8840 00733635, 00743082, 00750865 Quando si esegue un bot che contiene l'azione di Excel avanzato > Trova, la cella trova è ora attiva e le azioni successive possono eseguire operazioni su di essa.
8840 00723075, 00717920 Quando un bot incontra una cartella di lavoro che contiene collegamenti a celle di altre cartelle di lavoro, il sistema rimuove il messaggio a comparsa di Excel in modo che il bot possa essere eseguito senza interruzioni.
8840 00746651, 00757879 Dopo la migrazione dei bot, è possibile eseguire correttamente i bot senza errori di pre-elaborazione. In precedenza, l'utilizzo di variabili tra parentesi non consentiva l'elaborazione dell'attività.
8840 00742159, 00743092 Le azioni Imposta cella ed Elimina cella di Excel avanzato selezionano ora le celle corrette quando il nome della colonna dell'indirizzo della cella contiene più di una lettera.
8840 00743636 Le azioni Imposta cella, Elimina cella e Vai alla cella di Excel avanzato supportano ora tutti gli intervalli. In precedenza, le azioni riscontravano errori con intervalli superiori a AB1:AB100.
8815 00750668 Un bot carico di lavoro non è più bloccato in una coda e il dispositivo non visualizza lo stato Scelto in fase di esecuzione.
8815 00733227 Le tabelle di database Sala di controllo vengono create quando si utilizza il database 11.x ripristinato durante l'installazione di Enterprise A2019.
881500733720 Procedura guidata per la migrazione del bot non riscontra più errori durante l'elaborazione di un bot di grandi dimensioni per la migrazione. In precedenza, questo problema si verificava quando un bot di grandi dimensioni veniva scaricato sul dispositivo Esecutore di bot per la migrazione da Sala di controllo e la connessione tra il dispositivo Esecutore di bot e Sala di controllo veniva ripristinata.
8815--

Scanner di bot è stato ora aggiornato per includere gli scenari che in precedenza non funzionavano dopo la migrazione. Di conseguenza, alcuni bot potrebbero essere stati spostati dall'elenco di bot che possono essere migrati all'elenco dei bot che non possono essere migrati nel report di output. Ciò può ridurre il numero di bot che possono essere migrati a Enterprise A2019.

881500703679, 00711398, 00729399 I bot 11.x o 10.x che utilizzano la variabile stringa o un oggetto acquisito da Internet Explorer la cui proprietà è nulla o vuota, non riscontra più un errore dopo la migrazione dei bot.
881500667326 Scanner di bot non si blocca più quando si esegue la scansione dei bot per uno dei seguenti motivi:
  • Scansione di un file .atmx danneggiato di un bot
  • Bot che contengono il comando If, IF/ELSE o Ciclo e tale comando viene commentato
  • Bot che contiene un oggetto acquisito utilizzando il comando Clonazione dell'oggetto comando utilizzando la modalità di riproduzione Coordinata e sul quale viene eseguita l'azione Fai clic
881500731068, 00737025 Non si verifica più un errore quando si esegue un bot che contiene più variabili che restituiscono un val