Leggi e rivedi la documentazione di Automation Anywhere

Automation Anywhre Automation 360

Chiudi contenuti

Contenuti

Apri contenuti

Mappatura delle variabili per la migrazione

  • Aggiornato: 8/13/2021
    • Automation 360 v.x
    • Migra
    • Spazio di lavoro RPA

Mappatura delle variabili per la migrazione

Nella migrazione, alcune variabili si mappano direttamente dalle versioni precedenti del prodotto a Automation 360 mentre altre si comportano in modo diverso o contengono modifiche di configurazione.

Variabili definite dall’utente

In Automation 360, tutte le variabili definite in bot vengono create come Usa come input o Usa come output durante la migrazione per scambiare valori tra bot padre e bot figlio.

Se le variabili sono mappate tra un bot padre e un bot figlio in 11.x e alcune delle variabili mappate non sono disponibili né nel bot padre né nel bot figlio, il processo di migrazione rimuove queste variabili. Il processo di migrazione rimuove tali variabili per i bot figlio che vengono migrati insieme al bot padre e per i bot figlio che sono già migrati.

Esamina in che modo avviene la migrazione delle seguenti variabili definite dall'utente.

Array

In questa sezione viene illustrato come avviene la migrazione della variabile Array in Automation 360. In alcuni casi, potrebbe essere necessario eseguire alcune azioni o assicurarsi di eseguire alcune operazioni prima o dopo la migrazione.

Sottotipo "Valore"
Le variabili con questo sottotipo vengono migrate a Tabella con tutti i valori delle colonne come Stringa.
Sottotipo "Leggi da file di testo"
Le variabili con questo sottotipo vengono migrate a Tabella con tutti i valori delle colonne come Stringa.

Le seguenti operazioni vengono aggiunte come parte della migrazione per configurare i dati nella variabile:

Azioni Automation 360 Funzione
CSV/TXT > Apri Apre il file per la lettura.
CSV/TXT > Leggi Restituisce il valore nella variabile Tabella.
CSV/TXT > Chiudi Chiude il file.
Sottotipo "Leggi da database"
Le variabili con questo sottotipo vengono migrate al pacchetto Tabella con tutti i valori delle colonne come Stringa.

Le seguenti operazioni vengono aggiunte come parte della migrazione per configurare i dati nella variabile:

Azioni Automation 360 Funzione
Database > Connetti Aggiunge l'azione Connetti con la stringa di connessione corrispondente.
Database > Esporta nella tabella dati Aggiunge l'azione Esporta nella tabella dati per restituire i risultati alla variabile della tabella dati.
Database > Disconnetti Aggiunge l'azione Disconnetti per disconnettere il database.

Vedere anche: Pacchetto Database.

Sottotipo "Leggi da file Excel/CSV"
Le variabili con questo sottotipo vengono migrate a Tabella con tutti i valori delle colonne come Stringa.

Le seguenti operazioni vengono aggiunte come parte della migrazione per configurare i dati nella variabile:

Azioni Automation 360 Funzione
Excel avanzato > Apri Apre il file per la lettura.
Excel avanzato > Ottieni più celle Restituisce il valore della variabile Tabella se nella dichiarazione delle variabili viene scelta l'opzione Tutte le celle o Intervallo.
Excel avanzato > Leggi ora Restituisce il valore della variabile Tabella se nella dichiarazione delle variabili viene scelta l'opzione Riga intera.
Excel avanzato > Leggi colonna Restituisce la variabile Tabella se nella dichiarazione delle variabili viene scelta l'opzione Colonna intera.

Inoltre, il pacchetto Assegna elenco a tabella di dati elenco viene utilizzato per memorizzare il valore restituito nella variabile.

Excel avanzato > Chiudi Chiude il file.
Action required: In Automation 360, una variabile di tabella vuota restituisce un errore di runtime. Se il bot migrato contiene una variabile di tabella vuota, devi risolvere il problema in Automation 360.
Variabile di array: tipi di input accettati dalla funzione DLL
Quando il sistema passa una variabile Array da una 11.x bot a una funzione DLL di un tipo diverso, la funzione DLL accetta come tipi di input i seguenti:
  • UInt16[], Int16[], Int32[], Int64[], Int[], Char[], Single[], Decimal[], Float[], Double[], Boolean[], bool[], Byte[], String[] e Datetime[]
  • UInt16, Int16, Int32, Int64, Int, Char, Single, Decimal, Float, Double, Boolean, bool, Byte, String e Datetime
  • List<UInt16>, List<Int16>, List<Int32>, List<Int64>, List<Int>, List<Char>, List<Single>, List<Decimal>, List<Float>, List<Double>List<Boolean>, List<bool>, List<Byte>, List<String>, List<Date-Time>
  • UInt16[,], Int16[,], Int32[,], Int64[,], Int[,], Char[,], Single[,], Decimal[,], Float[,], Double[,], Boolean[,], bool[,], Byte[,], String[,] e Datetime[,]
Ulteriori informazioni
Puoi eseguire la migrazione dei bot 10.x o 11.x che includono variabili Array.

Di seguito sono riportate alcune differenze di comportamento chiave:

  • La posizione dell'indice inizia con 1 in 10.x e 11.x, mentre la posizione dell'indice inizia con 0 in Automation 360. Ad esempio, $arrayVariable(1,1)$ diventa $arrayVariable[0][0]$
  • Se un array ha 10 righe/colonne e un loop è in esecuzione più di 10 volte, allora 10.x/11.x restituisce il nome della variabile di array con la posizione di indice.
Action required: Se si utilizza un indice non valido per accedere alle matrici in 11.x, assicurati di risolvere l'errore del bot prima o dopo la migrazione.
Dizionario

In questa sezione viene illustrato come avviene la migrazione della variabile Dizionario in Automation 360. In alcuni casi, potrebbe essere necessario eseguire alcune azioni o assicurarsi di eseguire alcune operazioni prima o dopo la migrazione.

Sottotipo "Valore"
Il sistema migra queste variabili al tipo Dizionario con il sottotipo Stringa in Automation 360.
Sottotipo "Leggi da file CSV"
Il processo di migrazione aggiunge azioni per leggere il file CSV utilizzando il pacchetto CSV/Testo e archivia i dati in una variabile di tabella. Il processo aggiunge inoltre azioni per eseguire un ciclo sulla variabile Tabella e utilizza l'azione Inserisci del pacchetto Dizionario per aggiungere la chiave e i valori nella variabile Dizionario.
Variabile dizionario: tipi di input accettati dalla funzione DLL
Quando il sistema passa una variabile del dizionario da una 11.x bot a una funzione DLL di un tipo diverso, la funzione DLL accetta come tipi di input i seguenti: UInt16, Int16, Int32, Int64, Int, Char, Single, Decimal, Float, Double, Boolean, bool, Byte, String e Datetime.
Ulteriori informazioni
Puoi eseguire la migrazione dei bot 10.x o 11.x che includono variabili Dizionario.

La tabella seguente descrive alcune differenze di comportamento delle chiavi e il loro funzionamento in Automation 360:

Comportamento di 10.x o 11.x Comportamento di Automation 360
Le chiavi del dizionario non distinguono tra maiuscole e minuscole in 10.x o 11.x. Le chiavi del dizionario distinguono tra maiuscole e minuscole in Automation 360.

Per mantenere la resilienza di esecuzione bot, il processo di migrazione converte tutte le chiavi del dizionario in valori minuscoli. Per ottenere il nome della chiave in caratteri in minuscolo viene usata la stringa Minuscolo se una variabile viene utilizzata come chiave del dizionario.

Elenco

In questa sezione viene illustrato come avviene la migrazione di Elenco in Automation 360. In alcuni casi, potrebbe essere necessario eseguire alcune azioni o assicurarsi di eseguire alcune operazioni prima o dopo la migrazione.

Sottotipo "Valore"
Queste variabili vengono migrate a Elenco con sottotipo Stringa.
Sottotipo Array
Queste variabili vengono migrate a Elenco con sottotipo Stringa.
Sottotipo "Lettura da file di testo"
Quando viene richiamata una variabile dichiarata leggendo un file, l'azione Importa elenco dal file di testo del pacchetto Automazione legacy viene aggiunta sopra l'azione in fase di migrazione.
Dichiarato come "Rendi casuale"
La variabile Elenco può essere dichiarata come Rendi casuale in 10.x o 11.x per restituire un elemento casuale dall'elenco. Il processo di migrazione aggiunge la nuova azione Dimensioni al pacchetto Elenco per ottenere la dimensione dell'elenco e aggiunge l'azione Assegna un numero casuale al pacchetto Numero per trovare la posizione casuale e utilizzarla per ottenere una voce di elenco casuale.
Action required: In Automation 360, una variabile di elenco vuota utilizzata al di fuori di un loop restituisce un errore di runtime. Se il bot migrato soddisfa questi criteri, devi risolvere il problema nell'ambiente Automation 360.
Ulteriori informazioni
  • In 10.x e 11.x, Elenco è accessibile senza specificare alcun indice. In Automation 360, devi specificare il rispettivo indice per recuperare il valore specifico dall'elenco.

    Esempio: È possibile accedere alle variabili Elenco tramite l'indice nel modo seguente:

    $listVariable[0]$

    Qui, 0 rappresenta il primo valore nell'elenco.

  • La posizione dell'indice inizia con 1 in 10.x o 11.x, mentre inizia con 0 in Automation 360.
  • Comportamento di 11.x: In 11.x, quando viene utilizzato un elenco con un indice fisso, il sistema restituisce il valore disponibile nel primo indice dell'elenco.

    Esempio: Considera, ad esempio, di disporre di un elenco con valori 1, 2, 3 e 4 e utilizza $IntList(3)$ per recuperare il valore nella terza posizione indice dell'elenco. Il sistema restituisce il valore disponibile nella prima posizione indice dell’elenco (1) invece della posizione indice specificata (3).

    Comportamento di Automation 360: In Automation 360, il sistema restituisce il valore disponibile nella posizione indice specificata (per l'esempio precedente, restituisce 3).

    Comportamento dei bot migrati: 11.x bot che utilizzano tali espressioni con indici fissi nell'elenco e vengono migrate per Automation 360 restituiscono il valore disponibile nella posizione indice specificata.

  • Se un elenco ha 10 elementi e un loop è in esecuzione per più di 10 volte, 10.x o 11.x restituisce il primo valore dell'elenco dopo la 10a iterazione.
Variabile Elenco: tipi di input accettati dalla funzione DLL
Quando il sistema passa una variabile Elenco da una 11.x bot a una funzione DLL di un tipo diverso, la funzione DLL accetta come tipi di input i seguenti:
  • UInt16[], Int16[], Int32[], Int64[], Int[], Char[], Single[], Decimal[], Float[], Double[], Boolean[], bool[], Byte[], String[] e Datetime[]
  • UInt16, Int16, Int32, Int64, Int, Char, Single, Decimal, Float, Double, Boolean, bool, Byte, String e Datetime
  • List<UInt16>, List<Int16>, List<Int32>, List<Int64>, List<Int>, List<Char>, List<Single>, List<Decimal>, List<Float>, List<Double>List<Boolean>, List<bool>, List<Byte>, List<String>, List<Date-Time>
  • UInt16[,], Int16[,], Int32[,], Int64[,], Int[,], Char[,], Single[,], Decimal[,], Float[,], Double[,], Boolean[,], bool[,], Byte[,], String[,] e Datetime[,]

    Vedere anche: Pacchetto Elenco.

Casuale

In questa sezione viene illustrato come avviene la migrazione della variabile Casuale in Automation 360. In alcuni casi, potrebbe essere necessario eseguire alcune azioni o assicurarsi di eseguire alcune operazioni prima o dopo la migrazione.

Sottotipo "Stringa casuale"
Per la variabile Casuale del sottotipo Stringa, il processo di migrazione aggiunge l'azione Genera stringa casuale del pacchetto Stringa per generare una stringa casuale al di sopra della condizione If e assegna il valore alla rispettiva variabile migrata in Automation 360
Sottotipo "Numero casuale"
Quando è presente una variabile Casuale del sottotipo Numero, il processo di migrazione aggiunge l'azione Assegna un numero casuale del pacchetto Numero per generare una stringa casuale al di sopra della condizione If e assegna il valore alla rispettiva variabile migrata in Automation 360.
Valore

In questa sezione viene illustrato come avviene la migrazione di Valore in Automation 360. In alcuni casi, potrebbe essere necessario eseguire alcune azioni o assicurarsi di eseguire alcune operazioni prima o dopo la migrazione.

Sottotipo "Valore"
Queste variabili vengono sempre migrate come Stringa in Automation 360, anche se contengono valori numerici, booleani o data/ora. Le espressioni vengono utilizzate in Automation 360 per convertire una stringa in altri tipi, se necessario.
Sottotipo "Leggi da file di testo"
Per mantenere l'integrità dell'esecuzione del bot durante la migrazione, in cui viene chiamata una variabile dichiarata leggendo un file, viene aggiunta l'azione Importa stringa da file di testo del pacchetto Stringa appena sopra l'azione in fase di migrazione.
Ulteriori informazioni
Bot che utilizzano variabili di tipo valore all'interno di una variabile possono essere migrati in Automation 360. Per i bot 11.x che utilizzano una variabile all'interno di una variabile nel comando Inserisci sequenze di tasti, azione Calcola valore del pacchetto Stringa viene aggiunta nel bot migrato

Vedere anche: Pacchetto Stringa | Numero pacchetto | Pacchetto Booleano | Pacchetto Data/ora

Variabili di sistema

In alcuni casi, variabili di sistema quali Numero di riga dell'errore, Descrizione dell'errore, Nome del sistema operativo restituiscono un valore diverso in Automation 360. I Bot che utilizzano queste variabili in un processo decisionale o in un'operazione di stringa richiedono una revisione dopo la migrazione.

Alcune variabili di sistema utilizzate all'interno di un loop sono variabili definite dall'utente nel loop dopo la migrazione. In alcuni casi, la variabile definita dall'utente potrebbe richiedere una qualche configurazione nel bot migrato.

Alcune variabili di sistema vengono migrate come azioni in Automation 360. Queste operazioni vengono aggiunte appena sopra l'azione che sta utilizzando queste variabili.

Se una variabile è definita nella posizione di indice per le seguenti variabili di sistema, potresti dover risolvere i bot migrati perché il processo di migrazione non è stato in grado di determinare se la variabile contiene un indice o un nome di colonna. Se non lo correggi, bot potrebbe restituire un errore di runtime Chiave non trovata nel record. Il processo di migrazione tratta il valore di una variabile come nome, ma se si tratta di un indice, è necessario modificarlo di conseguenza.
  • $Filedata Column$
  • $Dataset Column$
  • $XML Data Node$
  • $Excel Column$

La tabella seguente fornisce informazioni sulle varie variabili di sistema e su come vengono migrate in Automation 360. Alcune variabili fanno parte delle azioni, alcune sono diventate azioni e altre sono note come variabili di sistema, ma hanno modifiche alla sintassi.

Variabile di sistema Come avviene la migrazione a Automation 360
$Day$ Diventa $System:Day$ in Automation 360
$Month$ Diventa $System:Month$ in Automation 360
$Year$ Diventa $System:Year$ in Automation 360
$Date$ Diventa $System:Date$ in Automation 360

Il formato della data impostato per la variabile nel bot 11.x o 10.x è memorizzato nel valore globale AADefaultDateFormat.

$Hour$ Diventa $System:Hour$ in Automation 360
$Minute$ Diventa $System:Minute$ in Automation 360
$Clipboard$ Diventa $System:Clipboard$ in Automation 360
$Machine$ Diventa $System:Machine$ in Automation 360
$MiliSecond$ Diventa $System:MiliSecond$ in Automation 360
$ArrayColumns($arrayVariable$)$ Diventa un'espressione in Automation 360: $arrayVariable.DataTable:columnCount$
$ArrayRows($arrayVariable$)$ Diventa un'espressione in Automation 360: $arrayVariable.DataTable:rowCount$
$AAControlRoom$ Diventa $System:AAControlRoom$ in Automation 360
$RAMUsage$ Diventa $System:RAMUsage$ in Automation 360
$TotalRAM$ Diventa $System:TotalRAM$ in Automation 360
$OSName$ 10.x o 11.x restituisce il valore di Microsoft Windows 10 Pro a 64 bit. In Automation 360, questa variabile diventa $System:OSName$ e restituisce Windows 10 a 64 bit.
$CPUUsage$ Diventa $System:CPUUSage$ in Automation 360
$Counter$ Questa variabile di sistema è obsoleta in Automation 360. Il processo di migrazione crea un tipo di variabile definito dall'utente Numero e modifica il bot per garantire che fornisca lo stesso output del bot 11.x.

Se hai utilizzato la variabile $Counter$ in un loop, il processo di migrazione sostituisce la variabile con la variabile $Condition-Counter$ nella bot migrata e imposta il valore su 1.

$Dataset Column$ Questa variabile di sistema fa ora parte dell'iteratore Per ogni riga in un set di dati di query SQL in Ciclo. Il sistema crea una nuova variabile nel loop e la utilizza all'interno del loop ogni volta che è presente $Dataset Column$.

Se la variabile viene utilizzata all'esterno di un loop, viene convertita in una variabile definita dall'utente di tipo record e assegnata a un'azione Record che consente di assegnare il valore della variabile record di origine alla variabile record di destinazione. Pertanto, quando si eseguono i bot migrati che contengono questa variabile, vengono visualizzati i dati dell'ultima riga.

$Excel Column$ Questa variabile di sistema fa ora parte dell'iteratore Per ogni riga nel foglio di lavoro in Loop. Il sistema crea una nuova variabile nel loop e la utilizza all'interno del loop ogni volta che è presente $Excel Column$.

Se la variabile viene utilizzata all'esterno di un loop, viene convertita in una variabile definita dall'utente di tipo record e assegnata a un'azione Record che consente di assegnare il valore della variabile record di origine alla variabile record di destinazione. Pertanto, quando si eseguono i bot migrati che contengono questa variabile, vengono visualizzati i dati dell'ultima riga.

$Extension$ e $FileName$ Queste variabili di sistema sono state utilizzate nell'iteratore Per ogni file in una cartella di Ciclo. Tuttavia, in Automation 360, una variabile di tipo dizionario viene utilizzata per acquisire l'estensione e il nome del file, che possono essere recuperati rispettivamente con il nome chiave "estensione" e "nome".

Pacchetto Ciclo.

$Email$

$Email From$

$Email Message$

$Email Received Date$

$Email Received Time$

$Email Subject$

$Email To$

$Email Sent date$

$Email Sent time$

Queste variabili di sistema sono state utilizzate all'interno dell'iteratore Per ogni posta nella casella di posta di Ciclo. In Automation 360, una variabile di tipo dizionario viene utilizzata per acquisire tutti i valori e-mail che possono essere recuperati con le rispettive chiavi.

Vedi Utilizzo della variabile dizionario per le proprietà e-mail.

$Filedata Column$ Questa variabile di sistema fa ora parte dell'iteratore Per ogni riga in CSV/TXT in Loop. Il sistema crea una nuova variabile nel loop e la utilizza all'interno del loop ogni volta che è presente $Filedata Column$.

Se la variabile viene utilizzata all'esterno di un loop, viene convertita in una variabile definita dall'utente di tipo record e assegnata a un'azione Record che consente di assegnare il valore della variabile record di origine alla variabile record di destinazione. Pertanto, quando si eseguono i bot migrati che contengono questa variabile, vengono visualizzati i dati dell'ultima riga.

$FolderName$ Questa variabile di sistema viene utilizzata all'interno dell'iteratore Per ogni cartella in una cartella di Ciclo. In Automation 360, il valore viene restituito alla variabile di stringa specificata nel loop.
$Excel Cell Row$ Questa variabile di sistema viene migrata all'azione Ottieni numero di riga del pacchetto Excel in Automation 360 e aggiunta appena sopra l'azione in cui viene utilizzata.
$Excel Cell Collumn$ Questa variabile di sistema viene migrata all'azione Ottieni nome colonna del pacchetto Excel in Automation 360 e aggiunta appena sopra l'azione in cui viene utilizzata.
10.x/11.x restituisce la prima colonna (ad esempio la colonna A) per la colonna $Excel Cell Column$ anche se la cella attiva non è la colonna A (ad esempio la colonna F10) all'interno di un loop. In Automation 360, la stessa configurazione restituisce la cella attiva (ad esempio la colonna F10). Di seguito sono riportati i casi d'uso che determinano il cambiamento del comportamento di cui sopra:
  • Excel viene aperto con o senza contiene intestazione selezionata contenente 10 righe.
  • Imposta cella attiva come F10
  • Viene eseguito un loop per la lettura della riga
  • Inserisci una Finestra di messaggio contenente $Excel Cell Column$
  • Esegui il bot
Action required: Considerando le differenze di comportamento, potrebbe essere necessario modificare alcuni bot.
$Excel Cell$ Questa variabile di sistema viene migrata all'azione Ottieni Indirizzo cella del pacchetto Excel in Automation 360 e aggiunta appena sopra l'azione in cui viene utilizzata.
$AATaskExecutor$ Questa variabile di sistema diventa $AATaskExecutor$ e $AATaskInvoker$ in Automation 360.
In 11.x, queste variabili restituiscono vari valori relativi all'esecuzione e all'invocatore dell'attività (ad esempio, nome, cognome, indirizzo e-mail e nome utente dell'invoker e dell'esecutore). In Automation 360, la variabile $AATaskInvoker$ restituisce i seguenti valori:
  • Nome utente invoker
  • Nome_invoker
  • Cognome_invoker
  • E-mail_invoker
La variabile $AATaskExecutor$ restituisce i seguenti valori:
  • Executor_username (Nome utente esecutore)
  • Nome_esecutore
  • Executor_lastname (Cognome esecutore)
  • E-mail_esecutore
  • Tipo_esecutore
$AATaskName$ Questa variabile di sistema diventa $System.AATaskName$ in Automation 360.

In 10.x/11.x, questa variabile restituisce il valore alla directory del percorso del computer (ad esempio Automation Anywhere\My Tasks\My Folder\My Folder2\AATaskName.atmx). In Automation 360, restituisce il valore al percorso bot relativo a Sala di controllo (ad esempio Bots/AATaskName).

Action required: Considerando che i valori restituiti sono diversi tra le versioni, potresti dover modificare alcuni bot.
$AAApplicationPath$ 11.x specifica: Questa variabile di sistema 11.x restituisce il percorso impostato dagli utenti nell'impostazione Strumento > Opzione di quella che è nota come «applicazione client». In Automation 360, la variabile diventa un valore globale. Il processo di migrazione mappa questa modifica automaticamente e il set di valori di ogni utente in 11.x viene copiato nella variabile di valore globale @AAApplicationPath.
Nota: Nessuna azione è richiesta da un utente per 11.x perché la variabile di sistema viene mappata automaticamente come valore globale durante la migrazione se hai utilizzato il database ripristinato 11.x durante l'installazione di Automation 360.

10.x specifica: Questa variabile di sistema 10.x non esegue automaticamente la migrazione a Automation 360 come valore globale, pertanto, dopo la migrazione è necessaria un'azione.

Action required:
  • Gli utenti 10.x devono creare il valore globale AAApplicationPath in Automation 360 e aggiornarlo con il percorso 10.x. Questo aggiornamento garantisce che quando esegui bot in Automation 360, il valore della cartella AAApplicationPath sia risolto in modo univoco per ogni utente.

    Esempio: Se il valore del percorso 10.x per AAApplicationPath è D:\John.Doe\My Documents\Automation Anywhere Files, è necessario creare il valore globale AAApplicationPath in Automation 360 e aggiornarlo con questo percorso.

  • Assicurati che l'opzione È POSSIBILE effettuare la modifica sia selezionata quando crei il valore globale AAApplicationPath. Bot Creator e Bot Runner devono impostare il valore per il valore globale AAAplicationPath prima di eseguire i bot migrati.

Vedi Valori globali.

$AAInstallationPath$ Questa variabile di sistema diventa $System:AAInstallationPath$ in Automation 360.

Comportamento di 10.x/11.x: Restituisce il percorso di installazione Client Enterprise (ad esempio C:\Program Files (x86)\Automation Anywhere\Enterprise\Client).

Comportamento di Automation 360: Restituisce il percorso di installazione Agente bot (ad esempio C:\Program Files\Automation Anywhere\Bot Agent).

Action required: Considerando che i valori restituiti sono diversi tra le versioni, potresti dover modificare alcuni bot.
$Current Directory$ Questa variabile di sistema è obsoleta in Automation 360 e convertita automaticamente in una variabile definita dall'utente durante la migrazione. Il valore della variabile viene impostato in base al valore definito in Loop > Per ogni file in una cartella e Per ogni cartella in una cartella.
$Date$ Questa variabile di sistema diventa $System:Date$ in Automation 360.

Comportamento di 10.x e 11.x: La variabile $Date$ restituisce la data e l'ora correnti nel formato specificato nel file AA.Settings.XML.

Comportamento di Automation 360: La variabile $System:Date$ restituisce valori di tipo Data e ora e gli utenti devono utilizzare un'azione per modificarli in Stringa. Per ridurre al minimo le interruzioni per gli utenti, il processo di migrazione esegue le seguenti operazioni per ogni istanza $Date$:

  • Crea una variabile temporanea $SystemDateInString$ di tipo Stringa.
  • Aggiunge un'azione In stringa del pacchetto Data e ora per convertire $System:Date$ in stringa con il formato cliente "MM/gg/aaaa HH:mm:ss" e memorizzare l'output nella variabile di stringa sopra.
  • Utilizza questa variabile di stringa ogni volta che si utilizza $Date$.
  • I passaggi precedenti vengono ripetuti per ogni occorrenza di $Date$.

A seconda della configurazione di bot, potrebbe essere necessario aggiornare la configurazione data/ora.

Action required: Modificare bot se il formato della data non è MM/gg/aaaa HH:mm:ss.

$Error Line Number$

$Error Description$

In 10.x o 11.x, queste variabili di sistema vengono utilizzate dopo il comando Gestione errori. In Automation 360, il valore viene restituito alle variabili definite dall'utente specificate nell'azione Cattura .

$PDFFileName$

$PDFTitle$

$PDFAuthor$

$PDFSubject$

In 10.x o 11.x, queste variabili di sistema sono state utilizzate dopo qualsiasi comando PDF. In Automation 360, una variabile di tipo Dizionario viene utilizzata per acquisire tutti i valori PDF che possono essere recuperati con le rispettive chiavi. Ogni azione PDF restituisce questa variabile Dizionario con i valori PDF corrispondenti.

Vedi Utilizzo di una variabile del dizionario per le proprietà PDF.

$System$ In 11.x o 10.x, questa variabile di sistema viene utilizzata per recuperare informazioni sulle impostazioni e sulle prestazioni di un dispositivo. In Automation 360, si utilizza l'azione Ottieni variabile ambiente di Sistema pacchetto.

Vedi Variabili di ambiente per Sistema pacchetto.

$WorkItem$
  • $WorkItem$ è una Stringa: Migrato così com'è.
  • $WorkItem$ è un Numero
    • Se viene visualizzato o registrato un Numero, il numero viene modificato in una stringa
    • Se viene visualizzato come Numero, migrare come tipo di Numero
  • $WorkItem$ è Data e Ora: Migrato così com'è, ma il pacchetto migrato genera un errore, quindi non puoi eseguire la migrazione del pacchetto.
Nota: Per il tipo Data e Ora, non è ancora possibile eseguire la migrazione del pacchetto, quindi è necessario eseguire la migrazione del bot associato in un altro momento.
$Trigger Value$ Diventa $TriggerValue$ in Automation 360. Per i bot 11.x che utilizzano questa variabile, eseguire le seguenti operazioni per eseguire correttamente la migrazione dei bot:
  • Crea i trigger equivalenti in Automation 360 per tutti i trigger utilizzati nei bot 11.x.

    L'output dei trigger in Automation 360 è memorizzato in una variabile di tipo record.

  • Aggiorna i bot migrati per utilizzare le azioni appropriate per assegnare i valori dalla variabile record che contiene l'output dei trigger alla variabile $TriggerValue$.

    Ad esempio, se desideri assegnare un host e una chiave della porta dalla variabile record di un trigger di posta elettronica alla variabile $TriggerValue$, usa l'espressione $EmailTriggerData(host)$$EmailTriggerData(port)$. Analogamente, per recuperare la posizione di un file, usa l'espressione $FileTriggerData(file)$, e per recuperare la posizione di una cartella usa le espressioni $FolderTriggerData(fromFolder)$.

$Table Column$ Questa variabile di sistema fa ora parte dell'iteratore Per ogni riga in una tabella in Loop. Il sistema crea una nuova variabile nel loop e la utilizza all'interno del loop ogni volta che è presente $Table Column$.

Se la variabile viene utilizzata all'esterno di un loop, viene convertita in una variabile definita dall'utente di tipo record e assegnata a un'azione Record che consente di assegnare il valore della variabile record di origine alla variabile record di destinazione. Pertanto, quando si eseguono i bot migrati che contengono questa variabile, vengono visualizzati i dati dell'ultima riga.

$XML Data Node$ Questa variabile di sistema viene utilizzata all'interno dell'iteratore Per ogni nodo in set di dati XML di Ciclo. In Automation 360, il valore viene restituito alla variabile di stringa specificata nel loop.

Se la variabile viene utilizzata all'esterno di un loop, viene convertita in una variabile definita dall'utente di tipo stringa e assegnata a un'azione Record che consente di assegnare il valore della variabile record di origine alla variabile record di destinazione. Pertanto, quando si eseguono i bot migrati che contengono questa variabile, vengono visualizzati i dati dell'ultima riga.

Variabili di credenziale

Le variabili delle credenziali utilizzate per i campi Nome utente e Password in 10.x e 11.x vengono migrate come Variabili di credenziali in Automation 360.

Il metodo di migrazione differisce per 10.x e 11.x.

Per informazioni su come migrare le credenziali 10.x, consulta la sezione sulle credenziali in Come vengono copiati i dati di 10.x in Automation 360.

Le variabili delle credenziali utilizzate in campi diversi dai campi Nome utente e Password vengono migrate come Valori globali. Questi campi includono nome host, numero di porta e così via. I valori globali migrati hanno la seguente sintassi: <credentialname>_<attributename>. Ad esempio, in 11.x, una Connessione FTP delle credenziali con nome host di attributo viene migrata come FTPConnection_hostname.

La tabella seguente fornisce informazioni su pacchetti e azioni che supportano la migrazione delle variabili delle credenziali da 11.x a Automation 360:

Pacchetto Azioni
Active Directory
  • Crea e modifica utente
  • Crea e modifica gruppo
  • Crea e modifica oggetto
  • Ricerca
  • Ottieni proprietà
Database
  • Connetti con stringa di connessione
  • Nome utente
  • Password
Automazione e-mail
  • Nome host
  • Nome utente
  • Password
Excel Apri foglio di calcolo
FTP / SFTP Connetti
Inserisci sequenze di tasti Tutte le sequenze di tasti che richiedono l'uso di credenziali
Automazione legacy Imposta testo nell'azione Gestisci controlli Web
Gestisci i controlli Windows
  • Imposta testo
  • Aggiungi testo
PDF
  • Da PDF a immagine
  • Estrai campi modulo
  • Estrai testo
  • Divisione, crittografia e decrittografia del documento
PGP
  • Crittografia e decrittografia dei file
  • Crea chiavi
Registratore
  • Imposta testo
  • Aggiungi testo
Nota: Migrazione dal comando Clonazione dell'oggetto come azione di acquisizione.
Servizio web REST
  • URI
  • Nome utente
  • Password
  • Intestazioni
  • Parametri operazione
Nota: Il nome di dominio viene migrato come valore globale.
Servizio Web SOAP
  • Nome utente
  • Password
  • Intestazioni
  • Parametri operazione
  • Parametri dati non elaborati
Emulatore di terminale
  • Comando di connessione per SSH2 con opzioni di autenticazione dei file utente e chiave
  • Invia testo
  • Imposta campo
Registratore web Gestione dei controlli Web con le funzioni Imposta testo e Aggiungi testo
Invia feedback