Leggi e rivedi la documentazione di Automation Anywhere

Automation Anywhere Automation 360

Chiudi contenuti

Contenuti

Apri contenuti

Analisi dei report

  • Aggiornato: 2021/07/05

    Analisi dei report

    L’utente può analizzare il report generato da Bot Scanner per ottenere informazioni sui bots (TaskBots e MetaBots) che è possibile migrare.

    Bot Scanner fornisce le seguenti informazioni chiave sui bots:
    • Numero di bots analizzati
    • Il numero e la percentuale di bots migrabili e non migrabili a Automation 360
    • Comandi e variabili utilizzati nei bots e frequenza di utilizzo
    • Motivi per cui al momento non è possibile eseguire la migrazione dei bots e frequenza di tali occorrenze
    • Azioni richieste dagli utenti dopo la migrazione a causa di un cambiamento nel comportamento dei comandi
    Importante: Automation 360 viene aggiornato frequentemente per ottenere l'equivalenza funzionale al 100% con le versioni Enterprise 10 o Enterprise 11. La percentuale di bots, comandi e variabili supportati per la migrazione in Automation 360 aumenterà fino a raggiungere il 100% nelle prossime versioni. Ciò significa che per ogni funzione eseguita in Enterprise 10 o Enterprise 11 è disponibile una funzionalità equivalente in Automation 360.

    La maggior parte delle funzionalità in Enterprise 10 o Enterprise 11 sono disponibili così come sono; tuttavia, alcune funzionalità sono implementate in modo diverso per supportare le operazioni Web (senza client). Per queste funzionalità è necessario modificare il modo in cui i bots vengono scritti.

    Bot Scanner è progettato per eseguire la scansione dei bots (TaskBots e MetaBots) creati utilizzando le versioni Enterprise 10 e Enterprise 11 di Enterprise Client. Il conteggio totale dei file include il numero di file che sono stati ignorati e non scansionati.

    I report sono disponibili nella posizione di output specificata nel campo Seleziona cartella di destinazione nella finestra di dialogo Bot Scanner Automation Anywhere. Bot Scanner genera un report di riepilogo e un report separato per ciascun bot sottoposto a scansione. Crea un report separato per ogni logica disponibile in un MetaBot.

    Viene creata una cartella di dati non elaborati contenente i report (in formato XML) per ogni bot scansionato. Aiuta i nostri ingegneri ad analizzare ulteriormente il processo di migrazione e a intraprendere azioni correttive, se necessario. Le informazioni che consentono l'identificazione personale dell'utente (PII) non sono incluse nel report di riepilogo o nei singoli report del botsscansionato.

    Se scegli di condividere i report con noi per migliorare il prodotto, comprimi i file nella cartella dei dati non elaborati e contatta il responsabile del successo clienti (CSM, Customer Success Manager) o il responsabile dell'abilitazione partner (PEM, Partner Enablement Manager). Nessun dato viene condiviso automaticamente con Automation Anywhere.

    Il sistema crea quattro cartelle all'interno della cartella dei dati non elaborati che contengono vari report:
    • Migratable_Bots: contiene i report dei bots che possono essere migrati in Automation 360.
    • Non_Migratable_Bots: contiene i report dei bots che non possono essere migrati in Automation 360.
    • Failed_to_Analyze: contiene i report dei bots che Bot Scanner non è stato in grado di analizzare.
    • MetaBots: contiene i report dei MetaBots che possono e non possono essere migrati a Automation 360 e quelli che non sono stati analizzati da Bot Scanner.

    Rapporto riepilogativo per tutti i bots

    Il report di riepilogo fornisce informazioni sulla possibilità di eseguire la migrazione a Automation 360, il numero totale di bots scansionati e i bots supportati per la migrazione a Automation 360 (in percentuale).

    Ad esempio, ipotizza che Bot Scanner abbia scansionato 10 bots. Dei 10 bots, se 8 bots sono pronti per la migrazione a Automation 360, la percentuale di bots che può essere migrata è dell'80%.

    Verifica se i bots possono o non possono eseguire la migrazione in Automation 360 visualizzando le informazioni in ciascuna scheda:

    Bots che possono essere migrati ora

    Visualizza il numero e la percentuale di bots di cui è possibile eseguire la migrazione a Automation 360 in questo momento.

    È possibile esaminare i bots e i comandi associati:
    • Bots
      Elenca i bots di cui è possibile eseguire la migrazione e le azioni che potrebbero essere necessarie dopo la migrazione. Puoi inoltre identificare se è necessaria o meno una revisione di questi bots che possono essere migrati. Fai clic sulle seguenti schede per i dettagli:
      Opzione Azione
      Revisione richiesta Elenca i bots che possono essere migrati e richiedono una revisione nel caso in cui debbano essere modificati a causa di qualsiasi modifica nel comportamento del prodotto Automation 360 rispetto alla versione Enterprise 11 o Enterprise 10.

      Scarica il file CSV per esaminare l'elenco di bots offline o per condividerlo con altri utenti, ad esempio il proprio reparto.

      Visualizza le informazioni nelle seguenti schede:
      • Bots
        • Visualizza l'elenco di bots che contengono comandi che richiedono una revisione. Visualizza informazioni quali il nome del bot, la sua posizione e il numero di bots padre che utilizzano questo bot come bot figlio.
        • Fai clic sul nome di un bot per visualizzare i comandi contenuti nel bot, messaggi relativi alla modifica del comportamento del comando e la frequenza (il numero di volte in cui il comando viene utilizzato nel bot). Scarica l'elenco dei comandi come file XML per esaminare il file offline.
      • Messaggi
        • Visualizza i messaggi di revisione relativi alla modifica del comportamento di un comando. Visualizza le informazioni come il numero di bots che sono influenzati dal cambiamento del comportamento del comando per cui viene visualizzato il messaggio e il numero di volte in cui il comando viene utilizzato in questi bots.
        • Fai clic su un messaggio per visualizzare i bots associati che contengono i comandi, la posizione dei bots e i numeri di riga in cui il comando viene utilizzato in ogni bot.
      Nessuna revisione richiesta Elenca i bots che non richiedono alcuna azione e possono essere migrati a Automation 360. Scarica l'elenco di bots che possono essere migrati come file CSV per rivedere il file offline o condividere il file con altri, ad esempio il reparto. Fai clic su qualsiasi bot nell'elenco per visualizzare il report XML offline.
    • Comandi

      Elenca i comandi che possono essere migrati e il numero di volte in cui i comandi vengono utilizzati in tutti i bots scansionati. Scarica l'elenco dei comandi che possono essere migrati come file CSV per rivedere il file offline o condividerlo con altri, ad esempio il reparto.

    Bots che non possono essere migrati ora

    Visualizza il numero e la percentuale di bots che non possono essere migrati a Automation 360 in questo momento.

    È possibile esaminare i bots e i comandi associati:
    • Bot
      • Elenca i bots che non possono essere migrati a Automation 360. Visualizza informazioni quali il nome, la posizione del bot, il messaggio di errore o le informazioni su come visualizzare il messaggio di errore e la frequenza di utilizzo di tale bot come bot figlio.
        Nota: Non è possibile eseguire la migrazione del bot padre se non è possibile eseguire la migrazione di uno dei bot figli. Analogamente, un MetaBot non viene migrato se una qualsiasi delle logiche disponibili in tale MetaBot non può essere migrata a Automation 360.
      • Scarica l'elenco di non bots che non possono essere migrati come file CSV per la condivisione con altri, ad esempio il reparto.
      • Fai clic su uno di questi bots per visualizzare dettagli specifici o messaggi di errore sulla migrazione bot, ad esempio i dettagli dei comandi che bloccano la migrazione di un particolare bot e il numero di riga in cui si trova il comando nel bot. Scarica l'elenco dei comandi come file XML per esaminarlo in modalità offline.
    • Comandi
      • Elenca i comandi e le variabili di sistema che non possono essere migrati a Automation 360. Visualizza informazioni come il numero di bots padre interessati a causa di comandi o variabili non supportati utilizzati nel bots figlio, la frequenza con cui il comando o la variabile di sistema vengono utilizzati in tutti i bots scansionati e la prossima versione in cui il rispettivo comando o variabile sarà disponibile per la migrazione.
        Nota: Non è possibile migrare i Bots contenenti comandi con uno stato N/D. Tuttavia, puoi modificare i bots sorgente e quindi eseguire la migrazione: Report dei comandi dello scanner di bot con stato N/D.
      • Scarica l'elenco dei comandi che non possono essere migrati come file CSV per rivederlo offline o condividerlo con altri, ad esempio il reparto.
      • Fai clic su uno dei messaggi in questo elenco per visualizzare il bots interessato che ha utilizzato il comando o la variabile influenzata e la posizione del bots corrispondente interessato. Fai clic su ciascun bot nell'elenco per visualizzare il report XML offline.

    Il report sarà valido fino a quando non sarà disponibile la successiva versione di Bot Scanner. Quando la prossima versione di Bot Scanner sarà disponibile, verrà visualizzato un messaggio di scadenza del report. Sarà necessario scaricare la versione più recente di Bot Scanner ed eseguire nuovamente la scansione dei bots.

    Verifiche e azioni richieste dopo la migrazione

    Alcuni comandi nei bots potrebbero essere contrassegnati con Revisione richiesta nel report dei Bot Scanner. Per questi elementi, è necessario eseguire una determinata convalida o aggiornare i bots dopo la migrazione.

    I seguenti messaggi Bot Scanner richiedono una verifica o alcune azioni:

    • Il percorso del bot figlio è completamente variabilizzato e viene risolto durante il runtime. Il bot non riesce dopo l'esecuzione se il percorso specificato nella variabile non è valido. Esaminare il bot di migrazione.

      Verifica che il bot figlio sia disponibile nella posizione specificata nel percorso variabilizzato. Se il percorso nel bot padre non è corretto, aggiornare il percorso per indirizzarlo al bot figlio corretto.

    • Il valore restituito dalla variabile di sistema "Descrizione errore" potrebbe essere diverso dalle versioni legacy w.r.t. Esamina il bot migrato.

      La descrizione di alcuni messaggi di errore in Automation 360 potrebbe essere diversa da Enterprise 11 o Enterprise 10 per lo stesso errore. Se un bot Enterprise 11 o Enterprise 10 è configurato per prendere decisioni in base alla descrizione dei messaggi di errore, potrebbe essere necessario aggiornare il bot migrato in base alla nuova descrizione dei messaggi di errore.

    • La migrazione del comando "Database - Connetti" è stata completata, ma è necessaria una configurazione aggiuntiva per l'autenticazione di Windows.Fai riferimento alla documentazione relativa al pacchetto database per maggiori dettagli.

      Completa la procedura specificata per connetterti a Microsoft SQL Server con l'autenticazione Windows.

      Connessione a un Microsoft SQL Server con l'autenticazione Windows

    • La migrazione di "IF" con condizione variabile è stata completata. Tuttavia, non è stato possibile determinare il formato della data della variabile utente, quindi è stata eseguita la migrazione con il formato data predefinito mm/dd/yyyy HH:mm:ss. Rivedi e modifica il formato, se necessario.

      Aggiorna il formato della data nel bot migrato allo stesso formato utilizzato in Enterprise 11 per tale bot.

    • Impossibile determinare se una variabile utilizzata come posizione è un indice o un nome di colonna. La posizione dell'indice inizia da 0 invece di 1, quindi eseguire le azioni necessarie, se necessario.

      Se sono state utilizzate le variabili di sistema FileData Column[$variable$] o Excel Column[$variable$] in Enterprise 11 o Enterprise 10 bot, si presuppone che sia stato utilizzato il nome della colonna $variable$. In questi casi, il bot migrato contiene l'espressione FileData Column{$variable$}. Se $variable$ nel bot Enterprise 11 o Enterprise 10 contiene il numero della colonna, devi aggiornare l'espressione nel bot migrato a FileDataColumn[$var.String:toNumber()$].

    • Il comando Esegui logica che utilizza le variabili delle credenziali come input per una logica di un MetaBot

      Bots che utilizzano il comando Esegui logica che trasferisce gli attributi Credential Vault da un TaskBot a una logica MetaBot possono essere migrati a Automation 360. Il nome delle credenziali e il nome dell'attributo vengono visualizzati nei campi della riga corrispondente del bot migrato.

      Se è stata eseguita la migrazione utilizzando il database Enterprise 11 ripristinato, viene creato un locker equivalente in Automation 360 per le variabili delle credenziali utilizzate nel bot Enterprise 11.

      Scegli una delle seguenti opzioni per eseguire correttamente il bots migrato:
      • Opzione 1: Trasferisci le variabili di tipo credenziale.
        1. Crea una variabile di tipo di credenziale nei bots figli come variabili di input.
        2. In action Esegui del package Task Bot del bot padre, aggiorna i campi del valore di input per utilizzare gli attributi Credential Vault per la variabile di tipo di credenziale creata per il bot figlio (corrispondente alla logica MetaBot).
      • Opzione 2: Trasferisci i valori delle credenziali come valore globale.
        1. Crea il valore globale in Automation 360 per l'uso delle credenziali nel comando Esegui logica in Enterprise 11.
        2. In action Esegui del package Task Bot del bot padre, aggiorna i campi del valore di input per utilizzare i valori globali per la variabile di tipo di credenziale creata per il bot figlio (corrispondente alla logica MetaBot).
      Se non hai utilizzato il database Enterprise 11 ripristinato durante l'installazione di Automation 360 devi creare l'armadietto richiesto per le variabili delle credenziali utilizzate nel bot Enterprise 11 prima di eseguire i passaggi precedenti.
      Nota: Automation 360 fornisce una protezione avanzata consentendo di assegnare gli attributi Credential Vault solo alle variabili del tipo di credenziale. Ciò limita la gestione non protetta degli attributi Credential Vault che potrebbero essere stati assegnati a variabili di tipo non credenziale.

    Rapporto per un singolo bot

    Il report per ciascun bot fornisce informazioni sulle dipendenze, le variabili e i comandi utilizzati.

    Il report individuale di un bot è simile al seguente codice:

    
                <analysis version="1.3.0">
                    <stat>
                        <dependencies ucount="0" count="0"/>
                        <errors ucount="6" count="12">
                            <error count="1">System variable $AAApplicationPath$</error>
                            <error count="1">Command [If FolderNotExist] 
                            is not supported</error>
                            <error count="3">System variable $CurrentDirectory$</error>
                            <error count="3">System variable $Extension$</error>
                        </errors>
                    </stat>
                    <commands>
                        <command target-action="assign" name="VariableOperation" line="1" 
                        grp="VariableOperation" api="VarOpe">
                            <msg type="error" review="true" category="variable">System 
                            variable $AAApplicationPath$</msg>
                            <msg type="info" review="false" category="default">Command 
                            parameter [Option] of type [String] is not required.</msg>
                        </command>
                        <command target-action="createFolder" name="createFolder" line="3" 
                        grp="FilesFolders" api="CreateFolder"/>
                        <command target-action="copyFiles" name="CopyFiles" line="5" 
                        grp="FilesFolders" api="CreateFolder"/>
                        <command target-action="connect" name="Connect" line="3" 
                        grp="Database" api="Connect"/>
                        <command target-action="OpenCSVTXT" name="ReadFrom" line="9" 
                        grp="CsvText" api="Csv"
                            <msg tpye="info" review="false" category="command">Line 
                            in 11.x client, there is no separate option given for CSV 
                            and TEXT in Automation 360</msg>
                                <msg type="error" review="true" category="variable">System 
                                variable $CurrentDirectory$</msg>
                                <msg type="error" review="true" category="variable">System 
                                variable $Extension$</msg>
                                <msg type="error" review="true" category="variable">System 
                                variable $FileName$</msg>
                            </command>
                        </commands>
                        <variables>
                            <variable name="$CSV-TXT-Default-DATA$" 
                            type="TABLE" value-type=""/>
                        </varaibles>
                    </analysis>
                
    La tabella seguente descrive i vari attributi disponibili nel report XML mostrato nell'immagine precedente:
    Nodo Attributo Descrizione
    Stat -- Fornisce informazioni sul numero di dipendenze, errori e avvisi.
    -- dipendenze Specifica il numero di dipendenze per il bot. Ucount indica il numero di dipendenze univoche e count indica il numero totale di dipendenze.
    -- errore Specifica il numero di errori per il bot. Ucount indica il numero di errori univoci e count indica il numero totale di errori.
    Comando -- Fornisce informazioni sui vari comandi e azioni utilizzati nel bot.
    -- command target-action Specifica l’azione eseguita per il comando.
    -- nome Specifica il nome del comando.
    -- line Specifica il numero di riga in cui il comando è disponibile nel bot.
    -- grp Specifica il gruppo di comandi a cui appartiene il comando.
    -- api Specifica il nome dell’API utilizzato dal comando.
    -- msg type Fornisce informazioni sul tipo di messaggio. Il tipo error indica che il comando non può essere migrato a Automation 360, mentre un tipo info indica che il comando può essere migrato, ma alcuni dei suoi attributi verranno modificati durante la migrazione.
    -- esaminare Fornisce informazioni sull'eventuale necessità di esaminare il comando.

    Questo attributo è sempre true per i messaggi di tipo error, per indicare che la migrazione di quel comando a Automation 360 non è ancora supportata. Per i messaggi di tipo info, se l'attributo è true, è necessario rivedere il valore nell'attributo category. L'utente può decidere se desidera eseguire qualsiasi azione sul bot migrato in base al valore disponibile nell'attributo category.

    -- Categoria Fornisce informazioni sul comando o sulla variabile per cui viene visualizzato il messaggio.
    Variabili Fornisce informazioni sulle variabili di sistema utilizzate dal bot.
    -- Nome variabile Specifica il nome della variabile.
    -- tipo Specifica il tipo di variabile.
    -- Tipo valore Specifica il tipo di valore fornito per tale variabile.
    Invia feedback