Leggi e rivedi la documentazione di Automation Anywhere

Automation Anywhre Automation 360

Chiudi contenuti

Contenuti

Apri contenuti

Personalizza Sala di controllo installazione su Microsoft Azure

  • Aggiornato: 11/18/2019
    • Automation 360 v.x
    • Installa
    • Spazio di lavoro RPA

Personalizza Sala di controllo installazione su Microsoft Azure

Installare e applicare la configurazione personalizzata richiesta per il Sala di controllo cluster su Microsoft Azure.

Prerequisiti

Se non è già stato fatto, completare le fasi iniziali di installazione in Iniziare Sala di controllo l'installazione il Microsoft Azure. Questa attività richiede le informazioni di configurazione raccolte nella fase dei prerequisiti. Sono inclusi indirizzi IP, certificati e credenziali per i Sala di controllo server, i server di datacenter e i database.

Nota: Esistono molte configurazioni e requisiti di sistema possibili. Queste fasi di installazione non tengono conto di tutte queste possibilità, pertanto le fasi di configurazione e installazione specifiche variano e Automation Anywhre non garantiscono che tali fasi siano conformi alle configurazioni specifiche.
Per installare in Sala di controllo una configurazione del cluster, procedi come segue:

Procedura

  1. Selezionare la casella di controllo Abilita configurazione cluster.
    La casella di controllo è abilitata per impostazione predefinita se il computer su cui viene eseguita la configurazione ha indirizzi IP locali configurati.
    Per installare su un singolo nodo e non Sala di controllo su un cluster, deselezionare la casella di controllo Enable Cluster Setup (Abilita configurazione cluster).
  2. Immettere gli indirizzi IP dei nodi nel cluster.
    1. Utilizzare una virgola (,) per specificare più di un indirizzo IP.
      Ad esempio, per specificare tre indirizzi IP nel cluster, immettere: 192.0.2.1,192.0.2.2,192.0.2.3
      Importante: Il primo indirizzo IP nell'elenco viene utilizzato come nodo master. Assicurarsi di immettere gli indirizzi IP nello stesso ordine su tutte le configurazioni dei nodi nelle installazioni successive. Un ordine errato fa sì che l'applicazione configuri gli indirizzi IP come cluster separati, il che comporterà la perdita di dati quando il problema viene risolto dopo l'installazione.
      È possibile installare più nodi contemporaneamente dopo l'installazione iniziale del nodo master.
      Dopo l'installazione, è possibile aggiungere un nuovo indirizzo IP al cluster alla fine dell'elenco.
    2. Dopo aver immesso correttamente gli indirizzi IP del cluster, selezionare un indirizzo IP valido al messaggio per fornire l'accesso di rete al computer.
  3. Fare clic su Avanti per configurare Transport Layer Security (TLS) dell'applicazione.
  4. Nella pagina TLS Configuration (Configurazione TLS), configurare quanto segue:
    • Generare un certificato autofirmato

      L'abilitazione dell'opzione Certificato autofirmato consente al programma di installazione di generare una chiave privata univoca e un certificato autofirmato per . Sala di controllo

    • Importazione di un certificato

      Per importare un certificato personalizzato, deselezionare la casella di controllo Certificato autofirmato. Questa impostazione consente di importare un certificato utilizzando il campo Percorso certificato.

      Nota: Il file del certificato deve essere in formato PKCS12.
      Fornire le seguenti informazioni:
      • Percorso certificato: Fare clic sul pulsante Sfoglia per importare il certificato.
      • Password chiave privata: Immettere la password per la chiave privata.
        Attenzione: Limitazione password: Non utilizzare il segno di chiusura (@) nelle password. L'utilizzo del carattere speciale @ nella password causa l'errore dell'importazione del file del certificato.
      • Porta server Web: Immettere la porta del server Web, HTTP o HTTPS. Se la porta è già assegnata, viene visualizzato un messaggio di errore.
        Attenzione: Il messaggio di convalida della porta viene visualizzato anche quando si aggiunge 8080 per il server Web e se tale porta è già in uso per un servizio di Sala di controllo licenza. Utilizzare una porta non assegnata diversa nei casi precedenti.
      • Attiva Forza traffico HTTP su HTTPS: Questa opzione reindirizza tutte le richieste di porta HTTP a HTTPS. Per accedere a Sala di controllo tramite HTTPS utilizzando il certificato autofirmato generato, assicurati che i numeri di porta siano diversi per HTTP e HTTPS.
        Per generare un certificato personalizzato per HTTPS, assicurati che il certificato personalizzato soddisfi i seguenti requisiti:
        • Crea un certificato .pfx con un codice di accesso da un'autorità attendibile CA.
        • Certificati combinati a livello di root, intermedio e macchina in un singolo certificato.
        • Utilizzate il formato: [Nome host macchina WS].[ DomainName].com per la chiave privata.
        • Includere il nome host come nome di dominio completo (FQDN) nel certificato. Fornire il nome host durante Sala di controllo l'installazione.
        • In cluster HA a più nodi, emettere certificati per il nome DNS del sistema di bilanciamento del carico.
        • Aggiungere singoli URL, che richiedono l'accesso a tutti i nodi, al campo Subject Alternative Name (Nome alternativo oggetto) nel certificato.
  5. Fare clic su Avanti per configurare le credenziali del servizio.
  6. Nella schermata Service Credentials (Credenziali di servizio), scegliere tra le opzioni elencate.
    Le credenziali del servizio Windows includono un nome utente e una password. L'utente specificato deve soddisfare i seguenti requisiti:
    • Un membro del gruppo di amministratori di sistema locale.
    • Disporre dell'autorizzazione per gestire i servizi , inclusi i Automation Anywhre servizi .

    Queste credenziali del servizio vengono utilizzate per creare tabelle di database e consentire ai Sala di controllo processi di accedere al database e al repository.

    • Account di sistema locale: (impostazione predefinita) l'utente connesso che esegue l'installazione.
    • Account dominio: specificare un utente che non sia l'utente dell'account del sistema locale.
      1. Deselezionare la casella di controllo Account di sistema locale.
      2. Immettere il nome utente e la password per l'account di dominio.

        Utilizzare solo caratteri supportati per il nome utente e la password. Vedere Caratteri speciali supportati.

      I motivi e i requisiti per l'utilizzo di un utente di account di dominio includono:

      • Non utilizzare le credenziali del dominio Windows

        Immettere le credenziali valide per i Automation Anywhre servizi in esecuzione. Senza le credenziali valide, non Sala di controllo verrà avviato.

      • Restrizioni degli script PowerShell

        Specifica un utente con le autorizzazioni per avviare script PowerShell che non è un utente di dominio Windows. Senza le autorizzazioni pertinenti, la creazione della tabella del database può non riuscire.

  7. Fare clic su Avanti per configurare il tipo di database e il server.
  8. Imposta la connessione e l'autenticazione per il server di database.
    Nota:
    • Se possibile, non impostare il valore per Server di database come localhost. Se è necessario utilizzare localhost, tieni presente che la Connessione protetta al database non funzionerà.
    • Fai clic sul pulsante Sfoglia per selezionare l'istanza di SQL Server in cui verrà creato il database di Sala di controllo. In alternativa, inserisci il nome di un server di database o selezionarne uno dall'elenco.

    Attività della migrazione: Se stai eseguendo la migrazione da 11.x a Automation 360, vai al database 11.x ripristinato.

    Fornisci i seguenti dettagli:
    1. Porta di database: Utilizza la porta predefinita (1433) o specifica un valore personalizzato.
    2. Usa connessione sicura: Seleziona per utilizzare un certificato CA come specificato.
      Nota: Il nome host del certificato e delle connessioni al database deve essere uguale.
    3. Certificato: Questa opzione è abilitata quando si seleziona Usa connessione sicura. Sfoglia per selezionare un certificato CA.
    4. Seleziona una delle seguenti opzioni per l'autenticazione del database:
      • Autenticazione Windows: Questa opzione è selezionata per impostazione predefinita e consente la connessione a SQL Server utilizzando l'autenticazione Windows.
        Nota: Se selezioni l'autenticazione Windows, l'utente che esegue lo strumento di installazione viene utilizzato per verificare che il database esista, crearlo se necessario e assegnare db_owner all'utente dell'account di servizio (NT Authority/System).
      • Autenticazione SQL Server: (immetti manualmente le credenziali) Seleziona questa opzione per utilizzare l'autenticazione SQL Server per connetterti al database. Indica il nome utente e password corretti per l'autenticazione SQL.
        1. Immetti il nome utente.
        2. Immetti la password.
      • Autenticazione AD Azure: Seleziona questa opzione per utilizzare le credenziali Microsoft Azure Active Directory per connettersi al database quando si installa Sala di controllo su Microsoft Azure.
      Utilizzare solo caratteri supportati per il nome utente e la password. Vedi Caratteri speciali supportati Non utilizzare punti e virgola ( ; ) nella password del database.
    5. Nome del database della sala di controllo: Inserisci il nome del database di Sala di controllo.
      Attività della migrazione: Se stai eseguendo la migrazione da 11.x a Automation 360, inserisci il nome del database ripristinato nel campo del database come mostrato nell'immagine seguente: Immagine che visualizza il nome del database 11.x ripristinato durante la migrazione a Automation 360
  9. Fai clic su Avanti.
  10. Su Pronto per installare il programma, fai clic su Installa e consenti il completamento del processo di installazione.
  11. Nella pagina Installazione guidata InstallShield completata, fai clic su Fine.
    L'avvio di Automation Anywhre è abilitato per impostazione predefinita.
    Abilita Mostra impostazioni programma di installazione per aprire il file aae-installsummary.html. Per impostazione predefinita, questo si trova in C:\Programmi\Automation Anywhere\Automation360\. Utilizza questo file per visualizzare un riepilogo dell'installazione.

Fasi successive

viene Sala di controllo avviato nel browser predefinito con la pagina Configure Sala di controllo settings (Configura impostazioni) visualizzata. Continua con Configura impostazioni post-installazione su Microsoft Azure.
Invia feedback